MATTINATA

Statua stele maschile ritrovata in località Tor di Lupo, nel comune di Mattinata sulla costa meridionale del Gargano. Ricavata in calacare locale

Purtroppo le modalità del ritrovamento non ci sono d'aiuto per l'esatta comprensione della posizione cronologica e culturale della stele: si tratta dell'ennesima scoperta fortuita del monumento, rinvenuto reimpiegato come materiale da costruzione in un muretto a secco.
La stele è ricavata in calcare locale, in forma di piatta lastra sub-rettangolare, lisciata nella faccia e solo grossolanamente sbozzata nel retro; i bordi sono arrotondati.
Le fratture interessano la spalla sinistra con la sommità, nella quale doveva essere ricavata la testa.
Al di sopra della cintura, la zona corrispondente al petto è quasi del tutto occupata dalla raffigurazione a rilievo di un grande pugnale a lama triangolare. La punta dell'arma è ornata da un fiocco composto da quattro linee divergenti verso il basso.
Ci si trova di fronte ad una statua stele riferibile al II millennio a.C., le cui valenze e simbologie culturali si riferiscono ancora ai menhir di Castelluccio dei Sauri, ma il cui significato e valore è stato ripreso in epoca successiva, modificandone ed arricchendone i contenuti. La staua stele di Tor di Lupo rappresenta perciò un importante elemento di collegamento tra le più antiche produzioni scultoree della regione e le analoghe manifestazioni successivedell'età del ferro.