incontri. mostre, mercatini antiquariato, sagre
   
  Abbigliamento
Agenzie immobiliari
Agriturismi
Alberghi
Antiquariato
Appartamenti
Arredamento
Artigianato
Associazioni
Auto e moto
Bed and Breakfast
Caffè e Pub
Camping
Case vacanza
Dimore storiche
Edilizia e idraulica
Enoteche
Erboristerie
Incoming
Ottica
Prodotti tipici
Rifugi
Ristoranti
Sport
Spose
Stufe e camini

 
   
  Architetti
Avvocati
Commercialisti
Ingegneri
Medici
 
   
  Carabinieri
Elenco telefonico
Farmacie
Link
Polizia
Ospedali
Pronto soccorso
Servizi di emergenza
Terremoti
Vigili del Fuoco
 
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
 
 
  la guida di pontremoli
  Pontremoli, la storia, gli uomini, la città
  Pontremoli, la cucina tradizionale  
     
 
     
 
Guida di Pontremoli
 
Home Page
Storia
Per conoscere Pontremoli
I Menhir
Personaggi
Cucina
Prodotti tipici
Manifestazioni
Dintorni
Fiumi
Numeri utili
  pontremoli  
La Cucina tradizionale
 
La torta d'erbi
I testaroli
Gli amor
 
     
 


 
La cucina tradizionale a Pontremoli

La torta d'erbi
I testaroli
Gli amor

Per acquistare in Lunigiana torte d'erbi e testaroli consultare la sezione
«Prodotti tipici»

Queste ricette sono tratte dal volume «I menù della tradizione lunigianese» che si può consultare anche in versione on line nella sezione «Cucina» di questo portale.
Il © dei testi e delle foto appartiene a Città del Mondo di M.B., senza la cui autorizzazione scritta è proibita la riproduzione.
Per informazioni: info@lunigiana.net

 


 


 

La cucina tradizionale

Se è vero che Pontremoli vanta caratteristiche storico culturali invidiabili, che ne fanno una delle più interessanti cittadine minori della Toscana, la sua tradizione culinaria non è da meno. Una notevole varietà di piatti elaborati, partendo tuttavia da pochi e semplici ingredienti caratterizza un tipo di cucina "povera" oggi rivalutata per gusto e leggerezza; così le verdure divengono gustose torte, la farina di castagno può addirittura presentarsi in un intero menù e per i più esigenti non mancano fragranti funghi raccolti nei boschi di Lunigiana. Testaroli, gnocchi di farina di grano e di castagno, ripieni di erbe, torte di erbe, di porri, di riso e cipolle, di patate e porri; funghi ripieni nei tradizionali testi, sono alcune delle specialità che offrono le migliori trattorie della città e dei dintorni. Unici sono anche i dessert a cominciare dai pregiati "amor" alla crema, per arrivare al tradizionale dolce natalizio "la spongata" che pur con ricette diversificate rimane una delle più ghiotte specialità pontremolesi. Il vino locale che potete gustare in quasi tutti i ristoranti e bar è leggero con un inconfondibile gusto asprigno. Terminiamo questa nota sulla cucina tradizionale fornendovi qualche curiosità e le ricette delle più note specialità pontremolesi.

La torta d'erbi

Cosa serve

Due chili di bietole, una ricotta, una manciata di pecorino, due uova, una manciata di pane grattuggiato, un pizzico di pepe, un po' d'olio, sale. Per la sfoglia: farina, acqua, olio e sale.

Come si prepara

Le foglie di bietole vanno lavate e poi tritate non troppo fini. Salatele abbondantemente e aspettate che fuoriesca il liquido. Quindi strizzatele e mescolatele bene con ricotta, pecorino, due uova intere, pane grattuggiato, un pizzico di pepe e un po' d'olio. Preparate la sfoglia con farina, acqua, olio e sale e tiratela molto sottile col mattarello, oppure se usate la macchina per pasta, passatela due volte. Mettete la sfoglia nel testo unto d'olio d'oliva e spalmatevi l'impasto d'erbi, non troppo spesso. Ricoprite con altra sfoglia, unendo i bordi. Spennellate di olio d'oliva e con una forchetta praticate dei fori, questi impediranno alla sfoglia di gonfiare. Mettete la torta in forno caldo, lasciando cuocere per tre quarti d'ora.

per saperne di più

I testaroli

Cosa serve
Un testarolo (per tre persone).
Per il pesto: basilico, uno spicchio di aglio, formaggio grattugiato (parmigiano o pecorino), olio d'oliva e un po' di pinoli.

Come si preparano
Il testarolo prodotto tipico di Pontremoli, prende tale nome perché la prima fase di cottura avviene nei "testi", formelle tonde in metallo o terracotta che vengono appoggiate direttamente sulla brace dopo la scaldatura a viva fiamma. Con acqua, farina e sale si prepara un impasto quasi liquido che viene versato nel testo uniformemente fino a mezzo centimetro di spessore. Si lascia cuocere una decina di minuti coperto. Il segreto della bontà del testarolo è proprio la cottura nel testo, quindi per la preparazione casalinga è bene servirsi di quelli in commercio. In tal caso la seconda fase di cottura cui vanno sottoposti è molto semplice. Mettete a bollire abbondante acqua salata, nel frattempo tagliate il testarolo a quadrettoni o losanghe. Quando l'acqua bolle spegnete il fornello e immergetevi i testaroli lasciandoveli per almeno 5 o 6 minuti. Toglieteli dall'acqua ad uno ad uno con un mestolo forato e disponeteli nel piatto da portata condendo ogni strato con olio d'oliva, pesto e pecorino.
Il pesto va fatto nel mortaio, meglio se di pietra. Pestate nel mortaio una manciata di basilico, uno spicchio d'aglio, formaggio e un po' di pinoli e amalgamate con olio d'oliva.

I testi
Il testo è il recipiente da cottura alla base della cucina lunigianese. Una volta i testi venivano fatti a mano lavorando l'argilla mescolata al quarzo, che venivano raccolti nei torrenti. Ogni famiglia aveva la sua "fascina" dove avveniva la cottura nei testi. Poi è venuto il testo di ghisa che ha soppiantato la lavorazione tradizionale.
per saperne di più

Gli Amor

Cosa serve
Due uova intere, un etto di zucchero, due bicchieri piccoli di latte, una scorza di limone, un etto di burro, cognac, biscotti tipo ostie.

Come si preparano
Sbattete le uova con lo zucchero, aggiungete il latte e cuocete a fuoco lento inserendo una buccia di limone. Appena la crema si è un po' addensata, spegnete il fornello e lasciate riposare due o tre ore. Poi unite un etto di burro e un poco di cognac, frullate il tutto ottenendo una pasta abbastanza densa. Riempite piccole sfoglie, rifilando ai lati la crema in eccesso. Queste sfoglie si trovano in drogheria, in alternativa potete usare i biscotti tipo "marie" o preparare da voi dei biscottini molto sottili, tagliati a quadri di tre centimetri di lato.

Curiosita'
La vera ricetta degli amor resta un segreto che viene tramandato di generazione in generazione in pochissime pasticcerie pontremolesi Fino ad oggi nessuno è riuscito a copiarne il gusto particolare.
per saperne di più

 
 
 
   
  Aulla
Bagnone
Casola
Comano
Filattiera
Fivizzano
Fosdinovo
Licciana Nardi
Mulazzo
Podenzana
Pontremoli
Tresana
Villafranca L.
Zeri
 
   
  Fiumi e torrenti
Castelli
Terme
 
   
  Arte e artisti
Cinema
Cronaca del '900
Cucina
Incontri
Librerie
Magia
Manifestazioni
Menhir
Mostre
Musei
Musica
Personaggi
Scrittori e poeti
Teatri
 
   
  Mercatini
Sagre e fiere
Tempo libero
 
     
   
   
   
   
     
     
LINK
www.lunigiana.net
Il Portale per scoprire la Lunigiana, terriritorio tra Toscana e Liguria che custodisce ancora i segreti di molte testimonianze medioevali e degli antichi menhir. Gli agriturismi, gli alberghi e i Bed and reakfast dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare

www.e-cinqueterre.com
Il mare, le spiagge, gli alberghi delle Cinque Terre. Dove dormire, dove mangiare, dove alloggiare per una vancanza da sogno
www.e-praga.com
La Guida per conoscere Praga, i suoi alberghi, i suoi ristoranti, la sua cultura e la sua anima. Dove dormire e dove mangiare. I segreti di Praga, una delle capitali dell'est più affascinanti e più desiderose di farsi scoprire
www.lericieportovenere.com
La Guida per scoprire il Golfo dei Poeti, la terra amata da Bayron e da Shelley. Gli alberghi e i Bed and reakfast dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare
www.bardireport.com
Blog fondato da maurizio bardi
www.lunigianalasera.com
Blog, sito online con News e notizie sulla Lunigiana.
 

© Copyright 2000-2011 Lunigiana.Net
E' vietata la riproduzione dei testi e delle foto
pubblicati sul portale Lunigiana.Net
senza espressa autorizzazione scritta
Per informazioni:
info@lunigiana.net
Tel. 320 0286339