incontri. mostre, mercatini antiquariato, sagre
   
  Agenzie immobiliari
Agriturismi
Alberghi
Antiquariato
Appartamenti
Arredamento
Antiquariato
Associazioni
Auto e moto
Bed and Breakfast
Caffè e Pub
Camping
Case vacanza
Dimore storiche
Edilizia
Enoteche
Incoming
Ottica
Prodotti tipici
Profumerie
Rifugi
Ristoranti
Sport
Spose
Stufe e camini

 
   
  Architetti
Avvocati
Commercialisti
Ingegneri
Medici
 
   
  Carabinieri
Elenco telefonico
Farmacie
Link
Polizia
Ospedali
Pronto soccorso
Servizi di emergenza
Terremoti
Vigili del Fuoco
 
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
 
 
  la guida di pontremoli
  Pontremoli, la storia, gli uomini, la cittĂ 
   
     
 
     
 
Guida di Pontremoli
 
Home Page
Storia
Per conoscere Pontremoli
I Menhir
Personaggi
Cucina
Prodotti tipici
Manifestazioni
Dintorni
Fiumi
Numeri utili
  pontremoli  
Personaggi di Pontremoli
 
Nicodemo Trincadini
Paolo Belmesseri
Gio Rolando Villani
Giuseppe Zambeccari
Stefano Bertolini
Alessandro Malaspina
Pietro Giovanni Parolini

Pietro Cocchi
Luigi Poletti
Luigi Campolonghi

Giovanni Sismondo
Manfredo Giuliani
 
     
 

Paolo Belmesseri, poeta
 
Particolare della copertina dell' "Opera poetica" di Paolo Belmesseri, edita a Parigi da Simon De Colines nel 1534

 
la guida di pontremoli
I personaggi

Nicodemo Trincadini
Paolo Belmesseri
Gio Rolando Villani
Giuseppe Zambeccari
Stefano Bertolini
Alessandro Malaspina
Pietro Giovanni Parolini

Pietro Cocchi
Luigi Poletti
Luigi Campolonghi

Giovanni Sismondo
Manfredo Giuliani
 
Paolo Belmesseri
poeta (XVI secolo)

Nel secolo di Ariosto, Tiziano Bonarroti, Paolo Belmesseri trovò un posto di rilievo nella storia della poesia del suo tempo.
Non si conosce con precisione la data della sua nascita che tuttavia si può collocare attorno al 1480 ed è certo che nacque a Pontremoli come si rileva dalla intestazione dei suoi carmi: "Paulus Belmesserus Pontremolanus".
Fu medico, teologo, ma soprattutto poeta. Nel 1512 lo troviamo lettore, presso l'Ateneo bolognese, di logica, medicina e filosofia ed è questo il periodo in cui strinse amicizia con Ludovico Ariosto e Cornelio Lambertini.
Dai suoi versi sappiamo che insegnò dieci anni a Bologna, in particolare l'arte medica. Nel 1527 accorse a Venezia, contagiata dalla pestilenza, per prestare la sua opera di scienziato per debellare il morbo. Questo lavoro non ebbe tuttavia i riconoscimenti dovuti e di ciò si lamentò ironicamente nei suoi carmi.
Anche Bologna non fu generosa verso di lui poiché sembra che gli rifiutasse i compensi dovuti in tanti anni di insegnamento. A nulla valsero le sue richieste rivolte a Francesco Guicciardini governatore della città.
In seguito fu medico di Papa Clemente VII e con lui si recò a Marsiglia per le nozze di Enrico, figlio primogenito di re Francesco I di Francia e Caterina de' Medici. Nell'occasione pubblicò un epitalamio eccessivamente adulatorio, che tuttavia gli fruttò la corona dell'alloro, conferitagli solennemente da Francesco I e da Clemente VII, in una cerimonia che si svolse durante i festeggiamenti nuziali. Seguì poi il re di Francia a Parigi ove tenne lezioni di filosofia per una anno, leggendo soprattutto Aristotele, e pubblicò il libro dei suoi Carmi, l'"Opera poetica".
Ritornò a Roma l'anno successivo, chiamato da Papa Paolo III, successore di Clemente VII. In quel tempo pubblicò una parafrasi in 36 elegie latine dei primi due libri del "De animalibus" di Aristotele. Presso la corte pontificia insegnò teologia fino al 1544 e da quel momento non si hanno di lui più notizie certe. Le storie letterarie ci parlano poco del Belmesseri e forse occorre dire che da vivo ebbe maggior considerazione. Ma senza dubbio occorrerà riscoprire la sua produzione lirica per una analisi critica che gli renda giustizia dell'oblio in cui cadde dopo la morte.
Scrisse in latino guardando però più al Petrarca che a Virgilio, anche se il suo verso mancò di originalità, condizionato forse dagli studi di medicina e teologia che lo indussero ad affrontare in poesia temi, a volte, troppo astratti. La perfetta disinvoltura nel produrre versi latini la raggiunse con "Heptas", un poemetto sul numero sette dedicato a Clemente VII.
Mentre Machiavelli stendeva le "Istorie fiorentine", Belmesseri cantava le sorti di un'Italia dimessa e sfortunata con assai diversi accenti.
Amò Pontremoli di cui parla nei suoi versi dicendo: "Salve mia patria, / et sic sint tua moenia semper/ Et cives omnes, flumina tanta duo, / Et macrae et viridis qui iuncti moenia lambunt".
 
 
 
 
   
  Aulla
Bagnone
Casola
Comano
Filattiera
Fivizzano
Fosdinovo
Licciana Nardi
Mulazzo
Podenzana
Pontremoli
Tresana
Villafranca L.
Zeri
 
   
  Fiumi e torrenti
Castelli
 
   
  Arte e artisti
Cinema
Cronaca del '900
Cucina
Incontri
Librerie
Magia
Manifestazioni
Menhir
Mostre
Musei
Musica
Personaggi
Scrittori e poeti
Teatri
 
   
  Mercatini
Sagre e fiere
Tempo libero
 
     
   
   
   
   
     
     
LINK

www.lunigiana.net
Il Portale per scoprire la Lunigiana, terriritorio tra Toscana e Liguria che custodisce ancora i segreti di molte testimonianze medioevali e degli antichi menhir. Gli agriturismi, gli alberghi e i Bed and reakfast dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare

www.maredisogno.com
Il mare, le spiagge, gli alberghi, i villaggi più affascinanti del Mar Mediterraneo. Dove dormire, dove mangiare, dove alloggiare per una vancanza da sogno
www.e-praga.com
La Guida per conoscere Praga, i suoi alberghi, i suoi ristoranti, la sua cultura e la sua anima. Dove dormire e dove mangiare. I segreti di Praga, una delle capitali dell'est più affascinanti e più desiderose di farsi scoprire
www.e-garfagnana.com
La Guida per conoscere la Garfagnana, territorio storico della Toscana, la cultura, la storia, l'econonia, gli agriturismi, gli alberghi, i ristoranti
www.lericieportovenere.com
La Guida per scoprire il Golfo dei Poeti, la terra amata da Bayron e da Shelley. Gli alberghi e i Bed and reakfast dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare
www.bardireport.com
Blog fondato da maurizio bardi
 

© Copyright 2000-2011 Lunigiana.Net
E' vietata la riproduzione dei testi e delle foto
pubblicati sul portale Lunigiana.Net
senza espressa autorizzazione scritta
Per informazioni:
info@lunigiana.net
Tel. 320 0286339