incontri. mostre, mercatini antiquariato, sagre
   
  Agenzie immobiliari
Agriturismi
Alberghi
Antiquariato
Appartamenti
Arredamento
Antiquariato
Associazioni
Auto e moto
Bed and Breakfast
Caffè e Pub
Camping
Case vacanza
Dimore storiche
Edilizia
Enoteche
Incoming
Ottica
Prodotti tipici
Profumerie
Rifugi
Ristoranti
Sport
Spose
Stufe e camini

 
   
  Architetti
Avvocati
Commercialisti
Ingegneri
Medici
 
   
  Carabinieri
Elenco telefonico
Farmacie
Link
Polizia
Ospedali
Pronto soccorso
Servizi di emergenza
Terremoti
Vigili del Fuoco
 
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
 
 
  la guida di pontremoli
  Pontremoli, la storia, gli uomini, la cittĂ 
   
     
 
     
 
Guida di Pontremoli
 
Home Page
Storia
Per conoscere Pontremoli
I Menhir
Personaggi
Cucina
Prodotti tipici
Manifestazioni
Dintorni
Fiumi
Numeri utili
  pontremoli  
Personaggi di Pontremoli
 
Nicodemo Trincadini
Paolo Belmesseri
Gio Rolando Villani
Giuseppe Zambeccari
Stefano Bertolini
Alessandro Malaspina
Pietro Giovanni Parolini

Pietro Cocchi
Luigi Poletti
Luigi Campolonghi

Giovanni Sismondo
Manfredo Giuliani
 
     
 

giovanni Sismondo, vescovo, Pontremoli

 
la guida di pontremoli
I personaggi

Nicodemo Trincadini
Paolo Belmesseri
Gio Rolando Villani
Giuseppe Zambeccari
Stefano Bertolini
Alessandro Malaspina
Pietro Giovanni Parolini

Pietro Cocchi
Luigi Poletti
Luigi Campolonghi

Giovanni Sismondo
Manfredo Giuliani
 

Giovanni Sismondo
vescovo (1879 - 1957)


Monsignor Sismondo nacque a Brusasco nella diocesi di Casale Monferrato il 13 settembre 1879 da Giuseppe ed Irene Mijno.
I suoi genitori erano contadini e fu a questa scuola di vita, dura ma legata agli eterni valori della fede cristiana che Sismondo crebbe. Terminate le scuole elementari, aiutò la famiglia nel lavoro dei campi. Fu ordinato sacerdote il 16 luglio 1905. Conseguita la laurea in dogmatica nel 1907 presso la facoltà di Torino, insegnò in seguito eloquenza, storia e teologia morale presso il seminario di Casale.
Il 6 febbraio 1930 l'Osservatore Romano riportava la nomina di monsignor Sismondo a vescovo di Pontremoli. Il 13 aprile, sotto una pioggia scrosciante (così riportano le cronache dell'epoca), fece il solenne ingresso in Pontremoli, iniziando un apostolato durato 25 anni. Nel luglio del 1939 celebrò il secondo Sinodo diocesano, in occasione del decennio di episcopato fu nominato dalla Santa Sede assistente al soglio pontificio.
Ma l'opera di monsignor Sismondo emerse e acquistò particolare rilievo durante il periodo bellico. In quel periodo operò con illuminato vigore intervenendo ripetutamente contro i rastrellamenti e tutte le forme di violenza, salvò dalla morte moltissimi partigiani dando il suo appoggio al movimento della Resistenza.
Fu più volte minacciato dai nazifascisti, fatto per due volte prigioniero dai tedeschi, fu oggetto di una meschina campagna di calunnie e ricatti che, tuttavia, non lo piegò.
Tra i molteplici episodi si ricorda quello accaduto nella notte tra il 25 e 26 aprile del '45: al tenente prussiano che era venuto ad arrestare il vescovo ed i suoi collaboratori e ad annunciare che la città sarebbe stata bombardata, se non fossero stati rintracciati due tedeschi del comando fuggiti con importanti segreti militari, monsignor Sismondo disse: "Voi non avete diritto di infierire contro una città indifesa, né di toccare i suoi abitanti, i suoi viveri e le sue case. Nessuna legge può giustificare la vostra violenza. Se volete del sangue prendete il mio!".
Nel dopoguerra una grave malattia minò la sua forte tempra, nell'ottobre del 1954 fu costretto a rinunciare al governo della diocesi di Pontremoli. Partì da Pontremoli il 2 febbraio del '55 e si ritirò a Torino nella Piccola Casa della Carità. Prima di morire volle inviare a Pontremoli il suo ultimo omaggio: tre rose a testimoniare il suo amore per la città.
Si spense il 7 dicembre 1957 e la sua salma venne trasportata a Pontremoli e tumulata nella Cattedrale.

 
 
 
 
   
  Aulla
Bagnone
Casola
Comano
Filattiera
Fivizzano
Fosdinovo
Licciana Nardi
Mulazzo
Podenzana
Pontremoli
Tresana
Villafranca L.
Zeri
 
   
  Fiumi e torrenti
Castelli
 
   
  Arte e artisti
Cinema
Cronaca del '900
Cucina
Incontri
Librerie
Magia
Manifestazioni
Menhir
Mostre
Musei
Musica
Personaggi
Scrittori e poeti
Teatri
 
   
  Mercatini
Sagre e fiere
Tempo libero
 
     
   
   
   
   
     
     
LINK

www.lunigiana.net
Il Portale per scoprire la Lunigiana, terriritorio tra Toscana e Liguria che custodisce ancora i segreti di molte testimonianze medioevali e degli antichi menhir. Gli agriturismi, gli alberghi e i Bed and reakfast dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare

www.maredisogno.com
Il mare, le spiagge, gli alberghi, i villaggi più affascinanti del Mar Mediterraneo. Dove dormire, dove mangiare, dove alloggiare per una vancanza da sogno
www.e-praga.com
La Guida per conoscere Praga, i suoi alberghi, i suoi ristoranti, la sua cultura e la sua anima. Dove dormire e dove mangiare. I segreti di Praga, una delle capitali dell'est più affascinanti e più desiderose di farsi scoprire
www.e-garfagnana.com
La Guida per conoscere la Garfagnana, territorio storico della Toscana, la cultura, la storia, l'econonia, gli agriturismi, gli alberghi, i ristoranti
www.lericieportovenere.com
La Guida per scoprire il Golfo dei Poeti, la terra amata da Bayron e da Shelley. Gli alberghi e i Bed and reakfast dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare
www.bardireport.com
Blog fondato da maurizio bardi
 

© Copyright 2000-2011 Lunigiana.Net
E' vietata la riproduzione dei testi e delle foto
pubblicati sul portale Lunigiana.Net
senza espressa autorizzazione scritta
Per informazioni:
info@lunigiana.net
Tel. 320 0286339